top of page

Guardando Avanti


Cari compagni e compagne,


Sono passati 55 anni dalla rivolta di Maggio del '68, durante la quale la gioventù del mondo ha lottato, si è organizzata e si è sentita unita per protestare contro l'offensiva imperialista sulle colonie del mondo in via di liberazione e per dare un colpo sulla tavola dei movimenti rivoluzionari stessi ai quali appartenevano, insoddisfatti della progressiva burocratizzazione delle loro strutture e del poco riconoscimento che la loro opinione e volontà vi avevano.


Ancora una volta, e più che mai, è necessario ricordare questo momento, poiché impregnarsi del suo spirito ci sarà utile per affrontare le circostanze storiche che stiamo attualmente attraversando, che, nonostante siano diverse, sono anche estremamente simili.


Di fronte alla crisi totale che il sistema della Modernità Capitalista sta vivendo oggi, gli stati egemonici e le grandi imprese competono tra loro per ottenere una posizione vantaggiosa nel nuovo ordine geopolitico, che lontano dal chiarirsi definendosi in fazioni, diventa sempre più complesso e multipolare.


In questo scenario, le illusioni e le false promesse con cui la Modernità Capitalista ha cercato di affascinarci in qualche momento per distoglierci dalle vere soluzioni ai problemi dell'umanità sono ora completamente esposte. Progressivamente, il capitalismo verde e sostenibile, l'efficacia delle istituzioni dei diritti umani, la socialdemocrazia e il keynesianismo, così come la stessa cultura liberale consumistica e i discorsi sull'autorealizzazione stanno perdendo significato agli occhi critici dei popoli del mondo. Questo è ciò che sta portando alle esplosioni popolari che si sono susseguite negli ultimi anni in tutto il pianeta. Che si tratti di Myanmar, Bolivia, Francia, Colombia o Cile, siamo noi giovani, ancora una volta, in prima linea, guidando la rabbia popolare nella distruzione del vecchio modello e nella costruzione di un'alternativa che permetta di vivere in libertà e dignità.


Ma purtroppo i nostri sforzi, in quel momento privi di un chiaro punto di riferimento su come e chi costruirebbe quest'alternativa, sono stati ridicolizzati dalla cooptazione delle esplosioni sociali da parte delle coalizioni di governi "del cambiamento", che avrebbero portato nuove costituzioni, legislati con una mentalità femminista ed ecologica e revocato le misure repressive che ci sono state imposte per difendere la vita. Ora al potere, possiamo vedere come ciascuno di questi nuovi governi, a volte nemmeno dopo una settimana, si sono gettati ai piedi di uno stato egemonico e si sono messi al servizio delle sue agende, delle loro borghesie locali e del capitale transnazionale.


Sotto qualsiasi governo si trovino, hanno ben chiaro il loro nemico: le autonomie popolari, che difendono e riproducono in modo sostenibile la vita.


Quindi, assimilarci o schiacciarci - soprattutto per evitare che ci uniamo e costruiamo il nostro stesso sistema - diventa una necessità di prim'ordine. Perché hanno bisogno della terra per renderla produttiva nella loro guerra per l'egemonia e di noi per farci diventare lavoratori e soldati disposti a morire per i loro interessi se ci viene ordinato.


Questo processo si svolgerà, che ci piaccia o meno, in forma di un discorso sullo sviluppo e la crescita dell'economia nazionale o attraverso il paramilitarismo, i gruppi criminali armati e il narcotraffico.


Pertanto, in questa edizione della rivista, di fronte all'urgente necessità che i giovani del mondo si connettano strategicamente, geograficamente e storicamente, invitiamo a ricordare il nostro lascito rivoluzionario, per avere una prospettiva più chiara su come continuarlo.

0 commenti

コメント


bottom of page