top of page

Cospirare contro l'assurdità!


Le palpebre cadono lentamente una sull'altra mentre le informazioni affluiscono sotto forma di immagini sfarfallanti. Uno sguardo all'orologio porta alla consapevolezza che sono già passate tre ore dall'ultima volta che hai alzato lo sguardo.


All'improvviso, c'è questa fredda e profonda paura, e la domanda rimane nell'aria: cosa sto effettivamente facendo della mia vita?


Ma trovare una risposta a questa domanda spesso risulta difficile per noi. A volte accettiamo persino la nostra situazione e la giustifichiamo dicendo che siamo semplicemente parte della "Generazione Z". Questa generazione viene definita dal sistema come pigra, ignorante, irrispettosa e priva di entusiasmo per qualsiasi cosa. Sulla base di queste caratteristiche, viene costruita una delle tante false identità per i giovani.


Ad esempio, la cosiddetta "Generazione Z" oscilla tra un'indifferenza intorpidita e una malinconia quasi drammatica. Entrambi gli estremi presentano una moltitudine di caratteristiche che ci vengono presentate sui social media o nei film sotto il motto dell'identificazione. Rêber APO descrive la guerra speciale attraverso le informazioni come segue:


"Le informazioni che i giovani ricevono servono piuttosto a cullarli e intorpidirli, rendendo la loro dipendenza permanente. Quando viene trasmessa la conoscenza, si trattiene il modo di attuarla. Una tattica costante di dominio è quella di prolungare e ritardare. Le strategie, le tattiche e i sistemi di pressione e ideologia diretti contro le donne sono altrettanto applicabili ai giovani." (Dal libro "Oltro lo stato, il potere e la violenza")


La mentalità capitalista si solidifica nelle nostre menti, creando una gioventù che definisce la libertà solo come libertà personale, materiale e che perde sempre più speranza di cambiamento e rivoluzione.


In un mondo in cui siamo costantemente influenzati dallo stile di vita liberale 24 ore su 24, ci troviamo in una continua crisi esistenziale. In un certo senso, interrogarsi sul significato della propria esistenza è normale e fa parte di una ricerca. Tuttavia, molti giovani cadono in un abisso esistenziale durante questa ricerca del perché, quando si rendono conto della vacuità di questo sistema capitalista. Una delle "soluzioni" imposte dallo Stato per sfuggire a questa crisi è la fuga nel nichilismo.


"La vita non ha senso e alla fine moriremo comunque."


Questo motto è un tema ricorrente in film, libri e serie popolari come Rick & Morty o Skins. Qui, la ricerca di una vita alternativa al di fuori del sistema viene deviata e i giovani si trovano invece di fronte a un profondo senso di vuoto. Non è sorprendente che sotto questa influenza, i giovani soffrano sempre più di depressione e suicidio. Il suicidio è la quarta causa di morte tra i giovani in tutto il mondo.


La natura innaturale e cancerogena di questo sistema diventa evidente nelle masse di persone che si tolgono la vita ogni anno.


Un'altra deviazione nella ricerca di significato e libertà è guidata dallo Stato, ad esempio, attraverso l'arruolamento di giovani nell'esercito. In Germania, negli ultimi anni, abbiamo assistito a un aumento significativo di minorenni che si uniscono all'esercito, la Bundeswehr.


L'immagine dei giovani inviati in guerra per il potere e gli interessi economici di pochi, persiste lungo tutta la storia dello Stato e della civiltà.


Ciascuna di queste "risposte" fornite dal sistema statale alle contraddizioni all'interno dell'ordine dello stato servono con l’obiettivo di paralizzare e mantenere i giovani passivi attraverso identità imposte. Tuttavia, la storia ci mostra il ruolo che i giovani hanno effettivamente svolto nella resistenza all'oppressione e allo sfruttamento.


Chi ha resistito più dei giovani a diventare lavoratori, schiavi e soldati?


Sono sempre stati i giovani ad essere presi di mira per diventare lavoratori, schiavi e soldati. A causa di questa specifica pressione sociale, troviamo la più forte espressione di libertà nei giovani che non hanno ancora abbandonato la speranza in un mondo diverso. Nonostante il loro ruolo attivo nei movimenti politici e sociali, i giovani nella storia spesso non sono stati definiti dalla propria identità.


Oggi vediamo anche che la mancanza di identità è uno dei problemi fondamentali tra i giovani.


Vengono fatti enormi sforzi per tenerci lontani dalla coscienza storica e dalla consapevolezza sociale.

Pertanto, il nostro successo sarà dimostrato da quanto significato e importanza attribuiamo alla vita e da quanta emozione e passione portiamo alla rivoluzione.


Affronteremo con determinazione e speranza le loro false idee su una gioventù indecisa e pessimista.


E per concludere con le parole del compagno Che Guevara:


"Soprattutto, sii sempre capace di sentire profondamente ogni ingiustizia commessa contro chiunque, ovunque nel mondo. Questa è la qualità più bella di un rivoluzionario."


- Rozerin Hanûn

0 commenti

Comments


bottom of page